1 dicembre 2007

Piramide di uva

Come concludere la settimana in bellezza?

…. (Pausa di riflessione) …

Con un dolce alla frutta!!!
L'uva è la regina incontrastata delle nostre tavole e allora, perchè non farla trionfare in una veste regale?
Da una visione apparsa su Cucinare bene, un dolce dalla festosa composizione a due piani che si presenta da solo: un guscio di frolla che accoglie su un letto di crema pasticcera un'alternanza di uva bicolore, laccata da una gelatina aromatizzata alla grappa di vinaccioli.
Le parole non servono!


Piramide di uva

Ingredienti x 8 persone

Pasta frolla
375 g farina 00
185 g burro
3 tuorli + 1 uovo intero
135 g zucchero
scorza grattugiata 1 limone biologico
Uva nera 1 kg
Uva bianca 1 kg

Crema pasticcera (200 ml crema past.)
4 dl latte
2 tuorli
30 g zucchero
30 g fecola
1 baccello vaniglia

Gelatina
Gelatina in polvere
30 g zucchero
125 ml acqua 125 ml
Grappa ai vinaccioli

Occorrente
Una teglia rotonda di cm 25 di diametro Una teglia rotonda di cm 18 di diametro

Preparazione
Pasta frolla Setacciare la farina a fontana, mettere al centro il burro a pezzetti e impastare velocemente gli ingredienti con la punta delle dita fino ad ottenere un composto dalla consistenza simile a quella del pangrattato. Unire poi al composto le uova, lo zucchero e la scorza di limone grattugiata e lavorare delicatamente il tutto con le mani, per il tempo strettamente necessario a ottenere un impasto bene amalgamato. Formare quindi con la pasta una palla, avvvolgere in pellicola trasparente e mettere a riposare in frigo per almeno 30'.
Imburrare e infarinare leggermente le due teglie. Stendere la pasta frolla sottile (spessa poco meno di 1 cm) e ricoprire le due teglie. Bucherellare il fondo delle basi di frolla e cuocere in forno per 15 minuti. Poi, sfornare le teglie e, nella teglia più larga, ritagliare un cerchio delle dimensioni di una coppetta di porcellana (quest'operazione va fatta subito, quando la pasta è ancora calda). Fare raffreddare le due basi di pasta frolla.

Crema pasticcera Portare a ebollizione il latte con la zucchero (aromatizzato con la vaniglia) ed una scorza di limone biologico. Nel frattempo montare a parte i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso, al quale unire poco alla volta, l'amido setacciato, mescolando. Aggiunge a filo il latte caldo, quindi metttere la crema sul fuoco e farla addensare, senza mai smettere di mescolare. Al termine versare la crema in una ciotola e lasciarla raffreddare, mescolando di tanto in tanto per evitare che si formi la pellicina in superficie.

Montaggio Disporre la base grande in un piatto largo e coprirla con la crema pasticcera stendendola uniformemente, ricoprire con la crema pasticcera anche la base piccola di pasta frolla. Appoggiare la coppetta di porcellana al centro della base di frolla grande e guarnire le basi di pasta frolla con l'uva, tenendole ancora separate. Sciogliere la gelatina in una casseruola con l'acqua, la grappa e lo zucchero e spennellare le due crostate con la gelatina ancora calda. Adagiare la base più piccola già farcita sulla sommità della coppetta, decorare con un fiore non trattato e servire.


Glossario Uva - Grappa

14 commenti:

  1. Mamma mia quante belle ricette che mi sono persa questa settimana! Lenny, sei davvero bravissima. Ora me le leggo con calma. Questa piramide intanto è eccezionale. Buon WE, Alex

    RispondiElimina
  2. Quei chicchi d'uva sembrano gemme preziose, che bell'effetto.
    Sb
    http://mangiaebbina.blog.espresso.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. alex e mari - Mi riempie di gioia constatare il tuo ritorno. Buona domenica

    stefno buso - I frutti difatti sono gemme preziose della Terra. Buona domenica

    RispondiElimina
  5. Bellissima e sicuramente buonissima!
    Brava Lenny (come sempre del resto!)!
    Buon WE,
    Aiuolik

    RispondiElimina
  6. Che pazienza, Lenny!! Brava!

    RispondiElimina
  7. Le crostate alla frutta sono un classico e a buona ragione. Questa coppia e' davvero bella e buonissima.

    RispondiElimina
  8. ... e poi un dolce alla frutta a fine pasto mette a tacere la coscienza!!

    RispondiElimina
  9. Non hai idea di quanta uva io riesca ad ingurgitare, probabilmente é il mio frutto preferito!Questa crostata dev'essere divina :-p

    Buona domenica!

    RispondiElimina
  10. ..decisamente le parole non servono...anche perchè non ne ho...! bravissima,
    ciao ciao,

    Grazia

    RispondiElimina
  11. adoro l'uva,in modo particolare qulla bianca,e'la tua e'una dolcissima idea..
    mirtilla

    RispondiElimina
  12. aiuolik - Buona, poco calorica (rispetto ad altri dolci) e salutare, grazie alla presenza della frutta che fa da protagonista.

    cookie - Non richiede poi molta pazienza, per come potrebbe sembrare a prima vista.

    simona - Già, un classico intramontabile

    diariodicucina - E' proprio vero!!!

    nightfairy - Sapevo che ti avrebbe colpito dritto al cuore o forse dovrei dire "alla gola"

    cuocapercaso - In questi casi bisogna solo procedere all'assaggio, virtuale o non

    mirtilla - Grazie. baci

    RispondiElimina
  13. Ahhhhh mi sento Homer davanti ad una ciambella! Gnammmm

    RispondiElimina
  14. @Gialla: è un dessert particolarmente adatto ad un goloso fine pasto :D

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO