15 luglio 2009

Tartellette alla ricotta, catalogna e noci

Quando ho a disposizione un ingrediente che mi attrae in modo particolare mi sento come a scuola, alle prese con un problema di matematica da risolvere.
In questo caso il Problema era: avendo acquistato delle catalogne in proporzioni massicce ed avendone lessate un discreto quantitativo per gustarle in purezza con un filo d’olio ed uno spicchio d’aglio, come preparare quelle restanti avendo a disposizione gli ingredienti base della dispensa, previa indagine delle scorte in frigo?
Svolgimento - Chiamati a raccolta ricotta e noci, la soluzione fu di evidenza lampante: un guscio di brisè d’autore, un letto di catalogne lessate ed una cremosa copertura di ricotta, resa croccante dalle noci.
Soluzione - Consistenze diverse e sapori ben equilibrati (la dolcezza e rotondità della ricotta che stempera ed ingentilisce l’amarognolo erbaceo della catalogna): verifica superata a piena voti.

Tartellette ricotta, catalogna e noci


Tartellette alla ricotta, catalogna e noci
Ingredienti x 6
Pâte à quiche di C. Felder

200 g di farina 00
5 g di sale
90 g burro a pezzetti
1 uovo
20 g di acqua

200 g ricotta (ric. orig. taleggio)
5 dl panna
3 uova codice 0
40 g noci sminuzzate grossolanamente
300 g catalogna lessa (ric. orig. spinaci)
farina
olio evo
sale pepe noce moscata

Preparazione Pâte à quiche. Lavorare la farina, il sale e il burro (morbido) in una ciotola, con le dita, fino a quando il burro non viene assorbito dalla farina. Aggiungere l'uovo e l'acqua e impastare. Quando la pasta sarà omogenea, avvolgerla con della pellicola e metterla a riposare al frigo per 2 ore.
Lessare la catalogna, triturarla al coltello ed insaporirla in padella con aglio, sale e pepe e un filo d’olio.
Stendere piccole pezzature di pasta a 3 mm con il mattarello, rivestirne ogni stampino leggermente imburrato e rifilarne i bordi passandovi sopra il matterello, quindi riporli in frigo per 15’.
Schiacciare la ricotta con un forchetta ed incorporarvi una parte di noci. Sgusciare due uova e un tuorlo, unire la panna, sale, pepe e una grattugiata di noce moscata, battere con un forchetta ed incorporare con cura la crema di ricotta e noci.
Prelevare le tortine dal frigo e riempirle con una parte di catalogna, ricoprendo con la crema di ricotta ed uova ed infine cospargendole con un po’ di noci.
Cuocere le tarteleltte per 25’ e sformare a raffreddamento completo. [Tratta da Speciale formaggi, Fabbri editori]

Tartellette ricotta, catalogna e noci

In questo formato sono perfette per un pic nic, mentre variandolo ne varia la fruibilità, per es. con uno stampo grande si avrà una gradevole torta salata o in versione mignon delle sfiziose tartellette da aperitivo o buffet.
Catalogna

40 commenti:

  1. Ho visto la foto.. ma ste catalogne non le avevo mai sentite nominare.. son simili alla rucola???? amare? dolci? Comunque fantastiche tartellette gustose.. .-))) bacioni

    RispondiElimina
  2. davvero molto deliziose,la catalogna l'ho sempre mangiata aggiungendola alla minestra di verdure,ma in effetti non è il massimo,credo che mangiarla così c'è molto più gusto! Brava Lenny

    RispondiElimina
  3. Anche a me piace condita semplicemente con un filo d'olio.. ma le tue tartellette hanno un'aria davvero invitante: me le segno per quest'inverno, grazie!

    RispondiElimina
  4. Oggi c'è il festival delle tartellette in giro!!!!
    Belle e belle quelle forchettine

    RispondiElimina
  5. anche una tartelletta nelle tue mani diventa una prelibatessa e che bell'abbinamento di sapori e colori!!brava lenny sei fantastica!!baci imma

    RispondiElimina
  6. Fichissime le forchettine e perfette le tartellette...
    Ma la catalogna è di stagione?

    RispondiElimina
  7. Un accostamento per me insolito ma da ricordare e da rifare. Complimenti e grazie per la condivisione :)

    RispondiElimina
  8. @Claudia: è un tipo di verdura dal sapore amarognolo, appartenente alla famiglia della cicoria

    @ilcucchiaiodoro: in purezza è interessante assaporarne il gusto deciso, ma in questo caso avevo bisogno di utilizzarla in modo diverso per variare

    @Barbara: adoro tutte le verdure ed il semplice condimento dell'olio evo è perfetto per goderne in autenticità

    @Lydia: sono forchettine da picnic che mi hanno attratta principalmente per il loro colore

    @dolci a ...gogo!!! grazie cara

    @Virginia: ti confesso che non so se la catalogna sia di stagione: avevo desiderio di variare e l'ho acquistata

    @Gambetto: credo che con una verdura più "dolce" e con il taleggio siano eccezionali

    RispondiElimina
  9. Non ho mai assaggiato la "catalogna" sono troppo curiosa quando leggo cose nuove! Vogrrei porvarle sempre. Le tue quiche sono una delizia secondo me!

    RispondiElimina
  10. Si, condivido. Sono invitanti...e cosa che non guasta anche molto di scena :-)

    RispondiElimina
  11. Bellissime, e quegli stampi da tartelletta sono meravigliosi, ce li ho anche io e non mi hanno mai delusa! Fantastica idea, un bacione

    RispondiElimina
  12. Sai che non conosco la catalogna? Adesso, però, mi hai molto incuriosita!

    RispondiElimina
  13. Bello l'impiego della catalogna per farci della tartellette!è un tipo di ortaggio che mi piace un sacco e di cui faccio scorpacciata quando vado a casa ^_^
    Da provare sicuramente :) tranne che per le noci,quelle mi darebbero qualche problemino..ma io le sostituirò ;)

    RispondiElimina
  14. oh no! peccato che non ho la bilancia... devono essere ottime!
    complimenti!

    RispondiElimina
  15. Carissima!!!!
    Un vero connubio di sapori!!!!!!
    Buonissimeeeeee!!!!!!!

    RispondiElimina
  16. bellissime! complimenti cara mia e se ti fa piacere ti aspetto anche da me :)

    RispondiElimina
  17. Ma che cos'è sta tartelletta con sorpesa?Morbido&croccante&dolce, rotto lala leggera marezza delle erbe, subito stemperata dalla pate a quiche..sei fenomenale!!!!

    RispondiElimina
  18. Hai risolto in modo regale il problema matematico. Gli abbinamenti mi piacciono tantissimo, brava :-)
    (e questa pasta è strepitosa vero? ;-)

    RispondiElimina
  19. 10+!!!!sono magnifiche!! complimentissimi per l'inventiva!! bacini

    RispondiElimina
  20. Ciao! non abbiamo mai assaggiato le catalogne...certo che messe così son davvero sfiziose ed invitanti!
    e poi, naturalmente, bellissime!
    bacioni

    RispondiElimina
  21. ciao lenny!! da poco ho assaggiato la quiche lorraine nel suo paese d'origine e la brisè di quella torta è fantastica... credo che questi abbinamenti siano ugualmente gustosissimi :))

    RispondiElimina
  22. un bel mix di consistenze...la creatività in cucina non ha mai fine ;-)) ciao!

    RispondiElimina
  23. ottima scelta sostituire il taleggio con la ricotta (ormai sai che è al mia passione), esalta il sapore della verdura.

    RispondiElimina
  24. Bellissima questa versione stile problema matematico...considerato il mio amore per la matematica potrei risolvere sempre così il problema della cena!

    RispondiElimina
  25. Ma certo che sei proprio brava a fare i compiti!!;-)) Deliziose e sicuramente buone, da tenere a mente. Complimenti!

    RispondiElimina
  26. lenny, cara é una meraviglia questa ricetta!!! io ho fatto la catalagno con le mandorle, proprio l'anno scorso. Un bel cespo di catalogna calabrese!!! qui é dura a trovarla! Ma aspetta che arrrivo!!
    Buona giornata!
    :-)***

    RispondiElimina
  27. Qui c'è da essere sintetici e basta: adoro i mini formati e queste tue piccole quiches sembrano formidabili.
    Urge verifica del 9! ;)
    ciao,

    wenny

    RispondiElimina
  28. Ma c'e' ancora la catalogna di questi tempi? Devono essere davvero buone queste tartellette, io ho noci da consumare in quantita'! Un bacio :)

    RispondiElimina
  29. Un abbinamento favoloso; il dolce della ricotta con l'amarognolo della cicoria!!

    RispondiElimina
  30. Ciao Lenny, fantastiche le torte salate, le adoro perchè è vero che accendere il forno con sto caldo è faticoso, ma poi il risultato ci soddisfa sempre tantissimo! Abbinamento ultra buono, fotografie stupende. Un bacione

    RispondiElimina
  31. Hai pensato proprio bene! Utilizzando le verdure in questo modo hai risolto il tuo "problema" e hai regalato a noi tutte questa ricetta semplice e meravigliosa! a presto lenny ciao

    RispondiElimina
  32. Aaaaah
    Che spettacolo, queste tartellette!
    Mai mangiata la catalogna, io :|

    *

    RispondiElimina
  33. Deve essere qualcosa di delicato e saporito nello stesso tempo!
    E poi sono bellissime...
    Complimenti, un bacio e buon we!

    RispondiElimina
  34. Mmmmh ottimo il croccante di riotta e noci!!
    E deliziose queste crostatine salate... ANche esteticamente!
    (ros)marina

    RispondiElimina
  35. @@Elisakitty's Kitchen: è la curiosità che ci spinge a sperimentare nuovi sapori e ad ampliare i nostri orizzonti

    @Gambetto: ciò che mi ha incuriosita, leggendo la ricetta, è stato quello strato di verdure, ricoperto dalla crema croccante e l’assaggio ha confermato le apettative

    @Elga: utilizzo tantissimo questi stampi, sia per il dolce che per il salato

    @Onde99: è una verdura amarognola molto interessante che può essere consumata anche in croccanti insalate

    @Daphne: puoi sostituire le noci con altro ingrediente che più si accordi con le tue esigenze

    @Betty: se per la pâte à quiche la bilancia è necessaria, per il resto puoi procedere anche ad occhio

    @Virginia: a volte è giusto seguire l’istinto

    @stefi: è un connubio interessante che può essere facilmente declinato con altre verdure e formaggi

    @Lacrima: arrivo ….

    @Saretta: grazie carissima ….

    @dada: questa pasta è eccezionale e lo si avverte anche in fase di lavorazione. La presenza dell’uovo la rende più elastica ed il gusto è più armonioso, mentre la texture è “fondente” rispetto alla croccante e classica brisè

    @ღ Sara ღ : grazie e ben ritrovata

    @manu e silvia: se vi capita, provatele

    @Chiara.u: ovviamente sono due realtà non paragonabili

    @Federica: sono molto sfiziose

    @astrofiammante: il gioco delle consistenze dà a queste tartelette un carattere ben definito

    @Giò: anch’io amo la ricotta ed in casa mia se ne fa un largo consumo, però mi piace anche il taleggio ed in questo caso l’ho sostituito con la prima per mitigare l’amarognolo della catalogna

    Mirtilla: mi fai venire voglia di replicarle, se non ci fossero le attuali temperature a farmi desistere

    @Aiuolik: non resta che cominciare ad esercitarti …

    @sally: grazie

    @Mariluna: mi confermi allora che è una verdura di stagione?

    @Wennycara: urge verifica … io personalmente mi cimenterò di nuovo tra qualche settimana, all’arrivo di mia sorella

    @Ciboulette: anche Virginia mi ha posto la stessa domanda, mentre Mariluna le ha preparate in Calabria e quindi in periodo estivo: a questo punto non so se parliamo di specie diverse, perché mia madre mi ha confermato che si tratta di verdura di stagione

    @Solema: è un abbinamento molto interessante, ma anche taleggio e spinaci (o altra verdura dolce) deve essere interessante

    @le pupille gustative: e come si può fare a meno del forno? Tutt’al più lo si può utilizzare di sera, nelle ore più fresche o accenderlo e senza sostare in cucina …

    @natalia: adoro le torte salate ed in particolare quelle con le verdure: è stato facile scegliere

    @tartina: devi assolutamente correre ai ripari

    @Rossa di Sera: sono attraenti proprio per questo mix di sapori ben equilibrati

    @FrancescaV: grazie carissima

    @Marina: la frutta secca è poco consona alle preparazioni estive, ma senza queste, le tartellette non sarebbero state le stesse

    RispondiElimina
  36. ma che delizie queste tortine !!!

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO