23 settembre 2011

Financier

È sicuramente il sogno di molti quello di incolonnare lingotti d’oro, assecondando la cupidigia, per poi ammirarne lo scintillio e toccare con mano la ricchezza, ma forse è più realistico cimentarsi con l’equilibrio precario dei lingotti dolci

Financier

i finaciers sono dolcini francesi, a forma di lingotto appunto, solitamente alle mandorle e pare siano stati ideati per gli agenti di borsa, piccoli deliziosi bocconi da gustare con le dita: delicatissimi, sono fatti con albumi e burro noisette (burro sciolto lentamente, fino ad assumere il colore ed il vago sentore di nocciola) e si possono aromatizzare a piacimento.

Quelli che ho immortalato sono i secondi che escono dal mio forno: in un percorso a ritroso sono intervenuta sui primi aromatizzandoli con il ginepro e arricchendoli con fettine di prugne (delizioso l’incontro tra le note pepate e quelle fruttate), mentre per i secondi ho preferito evitare qualsiasi interferenza, lasciando che le mandorle ed il burro si esprimessero liberamente.

Ed il bello è che tra i due non saprei quali preferire: mi toccherà rifarli per decidere ….


Financier

Ingredienti (10 pzz)

70 g burro
100 g zucchero (ric. orig. 125 g)
125 g mandorle in polvere
2 albumi codice 0*
20 g farina 00

[la ricetta originale indica negli ingredienti “2 uova intere” mentre Edda mi ha confermato che nei financiers si usano solo gli albumi e così, successivamente ho replicato la stessa ricetta con la rettifica predetta e le proporzioni si sono rivelate corrette]

Preparazione. Fare sciogliere a fiamma bassa il burro in un pentolino a fondo spesso, fino a quando non assume il colore nocciola, quindi filtrare (Edda precisa che "nei financiers classici francesi, il burro non viene filtrato, le particelle danno sapore").
Mescolare lo zucchero con le mandorle in polvere ed unire gli albumi (senza montarli, si mescolano semplicemante, come i muffin). Versare il burro fuso e leggermente intiepidito ed aggiungere la farina.
Imburrare gli stampi (in mancanza si possono usare i pirottini per muffin), trasferirvi l’impasto ed infornare in forno pre riscaldato a 190° per circa 12’. [Tratti da Dolci fatti in casa di L. G. Laurendon]

Financier
Altri financiers qui, qui, qui e qui


54 commenti:

  1. solo per la delicatissima costruzione che hai fatto ti meriti un 10..per la prelibatezza...10 e lode! baci

    RispondiElimina
  2. le tue preparazioni sono magistrali! ogni volta vengo rapita della loro descrizionie come da un bellissimo romanzo. ed ora per decidere quali preferire toccherà farli anche a me!

    RispondiElimina
  3. Già la foto ieri mi aveva lasciata a bocca aperta e oggi leggendo le tue versione ho voglia di cimentarmi...E' da molto che li volevo fare, ma causa mancanza dello stampo ho sempre desistito...Vedo che si può usare uno stampo per muffin ma secondo me non sarebbe la stessa cosa...Appena li reperisco saprò da chi venire per avere consigli per una sicura riuscita :)! Bacio e buona giornata!

    RispondiElimina
  4. e dimenticavo, anche nelle ricette di Ladurée dei financières, solo albumi :)...

    RispondiElimina
  5. L’equilibrio precario dei lingotti dolci di certo restituisce una armonia a chi li mangia che difficilmente è paragonabile ad altro, ne sono certo...basta la tua descrizione a sentirne il profumo e di primo mattino meglio non poteva andare... :)

    RispondiElimina
  6. I lingotti d'oro non sono nei miei sogni. Non saprei come gestirli. Preferisco questi "lingotti" delicatissimi, mi regalerebbero un attimo di senità. Ho lo stampo che andrebbe solo inaugurato con la ricetta giusta. Ed ho quel libro...vado a corregere il tiro delle uova ;) Un bacione, buon we

    RispondiElimina
  7. Io che non sono avida preferisco questo genere di lingotti, perchè golosa lo sono e come!!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  8. Non conoscevo la vera ricetta dei financier. Mi piace molto di più la versione originale che non quella solita che si trova in giro. Poi la foto è splendida, mi trasmette il senso di leggerezza del dolce.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. I financier sono una meraviglia e tu li hai presentati come sempre in modo superlativo!!bacioni,imma

    RispondiElimina
  10. Mhhh, delicioso.
    I love Financiers too, I already cooked them several times but my photographies aren't as beautiful as yours to illustrate them!

    RispondiElimina
  11. Ciao Mile, wowww!Deliziosi in entrambe le versioni, che bell'idea l'aggiunta di ginepro e prugne!Buon we

    RispondiElimina
  12. I financier li ho sempre voluti fare, ma ancora non ce l'ho fatta.... mi fanno sempre impazzire quando li guardo e con i tuoi è lo stesso!!

    RispondiElimina
  13. sono davvero impreparata... non li ho mai assaggiati!! devo rimediare al più presto!!!

    RispondiElimina
  14. ma che belli, come le tue foto. Sei bravissima!!!! Un abcione

    RispondiElimina
  15. ho appena ordinato lo stampo per farli per cui capiti a fagiolo...mi piace l'idea del ginepro

    RispondiElimina
  16. se me ne spedisci un pò ti dico io quale è il migliore... che dici?
    Un abbraccio e buon we

    RispondiElimina
  17. Questi lingottini mi ispirano proprio: hai utilizzato uno stampo in silicone?

    RispondiElimina
  18. Milena, sei stata bravissima: io credo che financiers e madeleines siano in assoluto le preparazioni di pasticceria morbida più complesse e delicate e tu hai realizzato i financiers alla perfezione. Io li preferisco puri, ma sono certa che anche la tua variante autunnale sia interessante

    RispondiElimina
  19. SArebbe perfetto averne uno qui, ora.Addolcirebbero il mondo della finanza!
    bacione

    RispondiElimina
  20. Saranno anche dei semplici dolcini, ma a me è venuta una tale voglia di assaggiarli!...
    Buon fine settimana, e grazie per questa bellissima visione!

    RispondiElimina
  21. Sono davvero meravigliosi a guardarsi .. e anche buonissimi a assaggiarli posso immaginare:)

    RispondiElimina
  22. Con così poca farina li posso facilemnte trasformare in gluten free! E poi mi piace l'uso dei soli albumi! ... anzi visto che devi decidere quali ti piacciono di più, io sono disponibile all'assaggio! ;)

    RispondiElimina
  23. Sai che in dispensa ho una teglia per farli, praticamente nuova??
    Che dici la uso?
    I tuoi sono meravigliosi lingottini ;)

    RispondiElimina
  24. perchè scegliere tesoro? prima uno e poi l'altro, tanto sono deliziosi entrambi! baci

    RispondiElimina
  25. Ok...mi tocca comprare lo stampo...proprio domenica a Vignale io e sonia siamo entrate in un negozio splendido di cose di cucina e mi è capitato in mano...l'ho lasciato giù in preda ai sensi di colpa e adesso mi tocca andare a cercarlo...Non vedo l'ora di provare questa ricetta, non li ho mai fatti!
    ciao simo

    RispondiElimina
  26. Ma come sono belli! Riesci sempre a stuzzicare la mia curiosita' con ricette semplici ed eleganti... e adesso urgono gli stampini! :)

    RispondiElimina
  27. sono bellissimi!!!!!!! vorrei avere gli stampini per poterli fare così belli!!!! Devo trovarli al più presto. Un bacione

    RispondiElimina
  28. Una "costruzione" tutta da mangiare! Sono stupendi e di certo gustosissimi!

    Ti seguo.

    RispondiElimina
  29. Delicatissimi. Mi sono rimasti nel cuore per l'impalpabile intensità del loro aroma, dopo averli assaggiati, tempo anni, in Provenza. Perfetti i tuoi :)
    Buon fine settimana cara :)

    RispondiElimina
  30. e dove hai trovato lo stampo??? Che bellezza la luce soave della foto. Anche io ero rimasta colpita dalla preparazione di questi tortini, ed anche a me erano piaciuti tantissimo! Non si è capito, vero, che mi hai fatto venire una vaga voglia di rifarli?

    RispondiElimina
  31. Che carina la storia dietro ai dolcetti. Avevo sempre immaginato qualcosa del genere ma non lo sapevo. E quelli ginepro e prugne? Belle le foto

    RispondiElimina
  32. Beh, ma i lingotti veri mica potrei prenderli a morsi!
    Meglio questi, va!

    RispondiElimina
  33. Che bel blog e che belle foto, complimenti.
    Mi scuso per la domanda, ma gli albumi vanno montati a neve o no?
    Grazie
    Elena

    RispondiElimina
  34. deliziosi e bella la presentazione ;-)
    buon w.e.

    RispondiElimina
  35. ho comperato un pò di quegli stampini, devo rimetterli al lavoro è parecchio che sono a riposo.... grazie per la ricetta che farò quanto prima, un bacione e buon we....

    RispondiElimina
  36. troppo belli, quanto sei brava!

    RispondiElimina
  37. i financier!! che buoniii!!! una vera ricchezza..di sapore! :)

    RispondiElimina
  38. Esprimono tutta la delicatezza e raffinatezza... Bellissimi Milena e immagino il sapore, le tue ricette sono sempre piene di profumi.
    Giusto un appuntino, nei financiers classici francesi, il burro non viene filtrato, le particelle danno sapore...certo è meno sano, sono d'accordo ;-)
    Baci e grazie tanto tanto :-)

    RispondiElimina
  39. Questi lingottini farebbero la felicità di chiunque...e tra la versione "plain" e quella aromatizzata farei come te: le infornerei entrambe, così per non sbagliare ;P

    un bacione e un morsino a questo oro goloso!

    RispondiElimina
  40. un dubbio: ma come fa a stare in piedi la torretta che hai sapientemente costruito?

    bellissimi, saranno presto miei perché incontrano i miei gusti... e dire che non li conoscevo!

    RispondiElimina
  41. Credo che anche ora gli agenti di borsa avrebbero bisogno di questi lingottini per addolcirsi :-)) Non ho mai visto gli stampini in giro, devo farci caso.
    Bello tornare a leggerti, purtroppo ultimamente ho pochissimo tempo, ma entrare nel tuo blog fa sempre bene.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  42. sono meravigliosi! mi hai fatto venire una voglia pazzesca..chissà se nei meandri del mio armadietto ho già gli stampi adatti? grazie per questa bellissima ispirazione!

    RispondiElimina
  43. Ei ciao,
    Passavo di qua ed ho notato subito il tuo blog favoloso e allora ho deciso di unirmi a te.. ti seguo molto volentieri se ti vi passa a trovarmi..

    http://cupcakes-site.blogspot.com/

    RispondiElimina
  44. Non li conoscevo! Sembrano buonissimi!

    RispondiElimina
  45. Sono meravigliosamente perfetti!

    RispondiElimina
  46. Milena, i tuoi lingotti d'oro sono stupendi!
    davvero perfetti.
    bacio

    RispondiElimina
  47. che meraviglia, non ho mai provato a farli perchè non ho lo stampo... i tuoi sono perfetti!
    complimenti

    RispondiElimina
  48. @tutti: in mancanza degli stampini appositi, provateli con i pirottini da muffin: sono delicatissimi e veloci da preparare ....

    @saretta m.: grazie :)...

    @Gambetto: è un piacere rileggerti :)

    @Virò: i miei stampi sono in silicone ...

    @fantasie: puoi benissimo sostituire la farina con l'amido :D

    @Ady: non te na pentirai .....

    @Zara: grazie :D

    @pips: online ....

    @Elena: sono io che mi scuso per non averlo precisato: gli albumi non vanno montati a neve, ma semplicemente mescolati come si fa per i muffin!!!!!
    Semplici e veloci :D

    @Edda: ma grazie per l'appuntino: lo inserisco nel post

    @La Gaia Celiaca: i financier sono tendenzialmente piatti e quindi non è tanto difficile impilarli, ma non nego di avere avuto qualche difficoltà: pensa che di solito fotografo davanti ad un balcone aperto e quel giorno il vento me li faceva precipitare, così ho dovuto chiudere le imposte ....

    @Alex: è un piacere rileggerti: anch'io ho pochissimo tempo ultimamente e non riesco a visitare i blog amici, con mio grande rammarico :(

    @Cuppy: grazie e benvenuta

    RispondiElimina
  49. A me sconosciuti...a mia moglie no che forse mi comprerà gli stampi se glieli faccio!! Complimenti......un bacio

    RispondiElimina
  50. Non li ho mai provati e lo farò a breve grazie alla tua ricetta, devo trovare gli stampi adatti però

    RispondiElimina
  51. @Gianni, renderai felice tua moglie :D

    Li puoi fare anche senza stampi @titty :D

    RispondiElimina
  52. Su trabajo era muy sorprendido porque ha sido que no he encontrado como este hermoso intercambio.

    voyance par mail gratuite

    RispondiElimina

RETROSCENA DI GUSTO